PERCHE’ RACCONTARSI FA BENE

L’approccio narrativo in psicoterapia

Dott.ssa Elisa Varotti, Psicologa Psicoterapeuta

   

"L’intera attività terapeutica è in fondo questa sorta di esercizio immaginativo che recupera la tradizione orale del narrare storie: la terapia ridà storia alla vita".  (J. Hillman, Le storie che curano)

Raccontare e raccontarsi.

Quella del raccontare è un’azione che facciamo fin da piccoli, da quando comincia il nostro senso di sé e abbiamo giusto quella manciata di vocaboli per poter dire qualcosa di noi. Ci raccontiamo da sempre, attraverso le parole ma anche con i nostri gesti, con il nostro fare. Siamo come libri aperti, che gli altri possono leggere e anche, e soprattutto, noi. 

 Ci avete mai pensato? 

 Il bisogno dell’uomo di raccontarsi è molto antico, quasi un istinto; è il modo attraverso il quale ognuno di noi ha traccia di sé e può definirsi. Ciascuno di noi ogni giorno si narra rispetto alle imprese che compie, dal come ha trascorso la giornata, al come ha superato un imprevisto, rispetto a eventi vissuti come noiosi o sorprendenti fino ai traguardi raggiunti che ogni persona sceglie per sé.... Ci raccontiamo sempre ed è dalla forma dei nostri racconti, dei nostri vissuti, delle nostre narrazioni che ciascuno può avere traccia di sé, della propria vita, della propria storia. È un definirci. È avere un’identità. È sentirci.

 Quando si dice che narrarsi, raccontarsi e scrivere di sé ha un potere terapeutico è proprio per questo. Per il senso di noi che possiamo trovare nelle nostre parole, nel contenitore e nella definizione che noi diamo di noi stessi in un certo momento.  

 Raccontarsi è cogliere l’occasione di poter fare ordine, o meglio dare un ordine ai nostri pensieri; è attraversare il caos dei nostri pensieri per arrivare a un ordine. Soprattutto in momenti come quello che stiamo vivendo oggi, narrarsi è provare a fare ordine nel caos dei nostri vissuti e del nostro sentire che sono sicuramente emotivamente provati dall’emergenza attorno a noi. È trovare un kòsmos nel caos, come la filosofia greca ci insegna.

 Come persone ci comprendiamo attraverso le storie che raccontiamo e nelle quali siamo il personaggio principale. Raccontarci ci permette di capire, di riflettere, di ragionare, di rendere palpabili le nostre definizioni, ricercare e dare un senso e un significato a ciò che siamo e al nostro sentire. Anche quando soffriamo, quando ci capitano eventi, come lutti, perdite, separazioni o quando perdiamo il senso della nostra esistenza è proprio e solo all’interno della nostra storia, di come ci narriamo, che possiamo affrontarli.

Scrivere di noi, leggersi, leggere di Altri, può cambiare il nostro umore e avere effetti sul resto della nostra giornata; può trasformare il nostro stato d’animo e rivoluzionare l’ordine e/o il disordine delle nostre idee e dei nostri pensieri. È poter raggiungere prospettive diverse dalle quali guardarsi e osservare il mondo, le cose che accadono, ciò che ci riguarda. È provare a fare esperienza di sé, in un modo altro e forse diverso rispetto a quello abituale. È dare spazio alla creatività che ci appartiene. 

 

Dott.ssa Elisa Varotti

Psicologa Psicoterapeuta

 

Contattaci

  
Potenziato da by JoomlaShine
Vai all'inizio della pagina
JSN Boot template designed by JoomlaShine.com